Traffici in calo nel porto di Livorno

Read Time:2 Minute, 22 Second

Fonte: messaggeromarittimo.it 

LIVORNO – Traffici in calo nel porto di Livorno da Gennaio ad Aprile di quest’anno, periodo che ha fortemente segnato non solo l’economia, ma la vita delle persone in tutto il mondo per il diffondersi della pandemia.

Questo ha portato a segni meno davanti a tutti gli indicatori di traffico, con l’unica eccezione per quello dei prodotti forestali, cresciuto di quasi il 10% a causa dell’aumentata domanda di fazzoletti monouso, rotoli e carta igienica.

Sono questi, in sintesi, i risultati quadrimestrali del porto di Livorno, pubblicati stamani nella sezione “Osservatorio Covid-19” dell’Autorità di Sistema portuale del Mar Tirreno settentrionale. Il bilancio consuntivo riflette chiaramente la situazione generale attuale di emergenza, che non ha risparmiato nessun porto in termini di contrazione dei volumi movimentati.

Tra Gennaio ed Aprile lo scalo ha movimentato complessivamente 10,2 milioni di tonnellate di merce, facendo registrare un decremento del 15,9% sullo stesso periodo del 2019.

In calo il traffico dei container, che nei primi mesi dell’anno, ha fatto segnare, al netto delle operazioni di trasbordo (in crescita del 3,7%), una diminuzione del 4,7%, a 251.333 teu. Diminuiscono sia i container pieni (- 4,3%) che quelli vuoti (- 19,4%).

Dati negativi anche per il traffico rotabile che, dopo le buone performance e i continui record degli ultimi anni ha fatto registrare un calo complessivo del 15,9% in termini di mezzi commerciali movimentati, a 141.181 unità. La flessione ha interessato sia lo sbarco che l’imbarco con una dinamica più accentuata per l’export.

In diminuzione, inoltre, sia il traffico delle auto nuove (ne sono state movimentate 154.605, contro le 227 mila dello scorso anno, – 32%) che quello della merce alla rinfusa (- 29% per quelle liquide, – 8,9% per quelle solide).

Come accennato, i prodotti forestali sono invece risultati l’unico traffico commerciale in positivo con 563.918 tonnellate movimentate e un + 9,9% sul primo quadrimestre del 2019, risultato – quest’ultimo – da attribuirsi, come scritto in apertura, all’aumento della domanda di fazzoletti monouso, rotoli e carta igienica, prodotti tipici delle cartiere della lucchesia particolarmente richiesti nel periodo di emergenza Covid-19.

Per quanto riguarda i passeggeri, il porto ha messo a segno risultati negativi sia nel traffico traghetti (153.869 persone sbarcate / imbarcate, – 58,8% rispetto al 2019) che in quello delle crociere (- 78,7%), causato dal blocco di queste attività per contenere i contagi.

Infine, l’AdSp, riferisce dell’andamento mensile del traffico rotabile, di auto nuove e passeggeri che ha messo in evidenza come ad Aprile la situazione sia ulteriormente peggiorata rispetto al mese precedente. Per altri traffici, come quello dei contenitori e dei forestali, si sono invece conseguiti risultati positivi di rispettivamente il 3,2 e il 29%.

0 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Rapporto C.I.E.L.I. Piloti, le tariffe italiane sono congrue

Fonte: Port News https://www.portnews.it/piloti-le-tariffe-italiane-sono-congrue/ Nei porti, negli approdi in rada, nei canali e in tutte le situazioni in cui le difficoltà della navigazione lo richiedono, il comandante della nave si avvale del servizio tecnico-nautico di pilotaggio, in particolare, per le manovre di arrivo e partenza. Il  pilotaggio è universalmente riconosciuto […]

Iscriviti alla Newsletter!