Costa Luminosa

Read Time:2 Minute, 3 Second
articolo a cura dei com.ti S.Lattero, M.Santini.

Verso le 18:30 del 2 luglio si vedeva approcciare al porto di Livorno la Costa Luminosa, nave da passeggeri di proprietà della Costa Crociere, costruita da Fincantieri nello stabilimento di Marghera, varata nel giugno del 2008 e consegnata ufficialmente alla compagnia il 30 aprile 2009. La Costa Luminosa con una stazza lorda di 92720 tonnellate una lunghezza di 294 metri ed una larghezza di 32,3 metri può ospitare 3876 persone (1050 membri dell’equipaggio e 2826 passeggeri) è dotata di 2 Azipod ABB da 35,2 MW con 2 eliche quadripala traenti e 3 eliche di manovra prodiere per un totale di 65300 KW di potenza installata.
Con grande piacere ed emozione si recava a bordo il Nostro pilota com.te Michele Santini ex Ufficiale di coperta della compagnia Costa Crociere. Emozione molto particolare visto che proprio sulla Luminosa aveva effettuato il suo ultimo imbarco nel novembre del 2017 prima di essere nominato Aspirante pilota del porto di Livorno nel dicembre di quello stesso anno. Michele mentre percorreva la strada che dall’imbarco del pilota ti porta sul ponte di comando ha ripensato e rivissuto esperienze ed emozioni che lo avevano accompagnato nel Suo percorso professionale e quando finalmente gli si apriva davanti a se la porta del ponte di comando per presentarsi al comandante della nave Giambattista Mancini ed al Suo bridge team avrebbe voluto abbracciarli tutti i suoi colleghi, amici di 10 anni di carriera condivisa insieme sulle navi di Costa, ma purtroppo a causa delle note restrizioni causate dal covid-19 l’abbraccio è stato solo virtuale. Discusse le fasi di manovra si procedeva a portare questo gigante dei mari all’ormeggio assegnatole dall’Autorità Marittima (molo Italia nord sinistra in banchina), le condizioni meteorologiche favorevoli e l’elevata preparazione professionale del bridge team di Costa Luminosa supportate dal Nostro pilota Michele Santini hanno fatto sì che la manovra si svolgesse con la massima tranquillità. Poco prima del tramonto si completava l’ormeggio lasciando così a Michele, Giambattista ed il Suo team lo spazio a racconti d’esperienze condivise.

Il com.te Santini  saluta e ringrazia gli amici e colleghi, se pur vero che per diventare un pilota bisogna impegnarsi molto nel cammino professionale, l’incontro con persone valide ti porta a diventare uomo, com.te, pilota, non dimenticando quel ragazzino al primo imbarco da allievo di coperta che sognava di diventare un pilota per poter svolgere il lavoro più bello del mondo.

3 0
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleppy
Sleppy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

I piloti del porto di Livorno fanno la loro parte anche nella salvaguardia dell'ambiente marino e dei suoi abitanti.

Fonte : Arpat news Nella mattinata di lunedì 6 luglio 2020, è ritornata finalmente in mare la tartaruga Caretta caretta Nanuk accompagnata – al molo del Circolo della Pesca “N. Sauro” nei pressi dello Scoglio della Regina – dai ragazzi del Centro estivo del Museo di Storia Naturale del Mediterraneo che […]

Iscriviti alla Newsletter!